Un mare in corridoio: Laura Baldini per Riabilitazione Cardiologica, Fano.

Creature acquatiche rivisitate in chiave fantastica, una flora marina rigogliosa e danzante, sono questi i tratti caratteristici che l’artista Laura Baldini ha ideato per questo luogo di passaggio.

Metri e metri di corridoio trasformato in una sorta di enorme acquario in cui coesistono creature acquatiche immaginarie, costruite su un impianto scenico di ispirazione onirica.

L’artista per questo intervento ha immaginato che il Mare Adriatico, su cui si affaccia la città di Fano, fosse trasportato con tutta la sua ricchezza di flora e di fauna dentro le mura dell’Ospedale.

Il corridoio del nuovo Reparto di Riabilitazione Cardiologica è stato considerato come luogo di passaggio e di scorrimento e dunque accostato al fluire dell’elemento acquatico.

L’acqua è stata considerata dall’artista nella sua accezione più alta, ovvero come fonte di vita. In effetti il mare immaginato da Baldini risulta ricco di pesci colorati, pesci surreali, crostacei, sirene, bolle e flora marina.

Un mondo in movimento, in evoluzione costante, mai uguale a se stesso e soprattutto un mondo con la capacità di suscitare curiosità in chi osserva. L’idea è anche quella di svelare un mondo sommerso e sconosciuto per consegnarlo alla luce, conducendo in superficie una sorta di vitalità attiva e costante vitale che esiste anche in ciò che di norma non conosciamo o non possiamo vedere.

Il lavoro è stato realizzato nella tecnica della pittura a smalto su muro, a mano libera, l’uso del colore ha una particolare valenza nella poetica dell’artista, infatti il grado di comunicabilità e di accesso all’opera è demandata in particolar modo al colore.

Le tinte spesso piatte a volte divengono quasi liquide, lasciando spazio a velature e chiari scuri che lasciano intendere un’ottima manualità. Passando tra le mura del corridoio si ha la netta sensazione di essere stati catapultati nel bel mezzo di favola, una storia del mare con un suo particolare impianto narrativo.

Si evince facilmente la seduzione che il fumetto ha esercitato sulla formazione dell’artista, le figure ridondanti nelle fattezze, la semplicità disarmante del segno ne sono i caratteri emblematici.

Fotogallery

313 Visite totali, 1 visite odierne

Ultima modifica:

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No