Covid-19, parte la ‘fase 2’: controlli agli ingressi ospedalieri

Dopo l’organizzazione di reparti filtro, da lunedì 4 maggio chiunque vorrà accedere agli ospedali di Marche Nord passerà attraverso alcuni punti di controllo (check point) attivati agli ingressi dei presidi di Pesaro e Fano. Così Marche Nord si prepara ad affrontare la delicata fase 2 con l’obiettivo di continuare a garantire percorsi protetti e sicuri.

Per ogni presidio è stato individuato un solo ingresso destinato all’utenza, e non sarà consentita l’entrata di accompagnatori o visitatori fatta eccezione per chi deve aiutare persone con disabilità o non autosufficienti. All’ingresso degli stabilimenti ospedalieri verrà rilevata la temperatura corporea, a cui seguirà igienizzazione delle mani e dotazione – nel caso gli utenti ne fossero sprovvisti – di dispositivi di protezione personale (mascherine e guanti). Verrà consegnato un apposito questionario per la raccolta di dati anamnestici e sintomi suggestivi di COVID-19, che dovrà essere compilato, sottoscritto e restituito al personale che fornirà le corrette informazioni per raggiungere la destinazione finale (esempio ambulatori, pagamento alle casse, ecc)

L’ingresso allo stabilimento ospedaliero San Salvatore Centrale (Pesaro) avviene da Piazzale Cinelli (uscita dal Padiglione I o dal Padiglione B). Solo per i ritiro dei referti l’ingresso e uscita dovrà avvenire da Via Oberdan.

L’ingresso allo stabilimento ospedaliero di Muraglia (Pesaro) avviene, per gli utenti che devono effettuare i prelievi o pagare, attraverso la struttura della Croce Rossa posizionata nell’area antistante il Padiglione 1; i pazienti che devono effettuare visite accedono al Padiglione 5 dove verranno eseguite le procedure di verifica.

L’accesso al Santa Croce di Fano avviene sia dalla palazzina di ingresso che dal percorso pedonale in Via Vittorio Veneto (uscita da Via Metauro). Prima dell’accesso, verranno eseguite le procedure di verifica.

AZIONI PROPEDEUTICHE ALL’ATTIVITA’ CHIRURGICA PROGRAMMATA

Il pre-ricovero, che consiste nell’effettuazione degli esami necessari a valutare l’idoneità all’intervento chirurgico programmato, verrà realizzato 2 giorni prima della degenza. In precedenza il paziente sarà contattato telefonicamente per sottoporlo ad un triage telefonico in cui l’operatore ricorderà il rispetto delle norme comportamentali a domicilio e la misurazione della temperatura corporea nei giorni precedenti all’accesso in struttura, temperatura che dovrà essere registrata su modulo firmato dal paziente e consegnato al personale sanitario al momento del pre ricovero. In caso di comparsa di febbre o sintomatologia respiratoria, l’utente verrà invitato a contattare la struttura per valutare la differibilità del ricovero ospedaliero.

Il giorno del pre ricovero, oltre all’esecuzione degli esami necessari, i pazienti verranno sottoposti al tampone per la ricerca di SARS-CoV-2; gli operatori sanitari consegneranno un questionario che dovrà essere compilato a domicilio per la raccolta di dati anamnestici e sintomi suggestivi di COVID-19. All’ingresso in reparto per intervento chirurgico programmato, verrà nuovamente eseguita la misurazione della temperatura corporea e registrato l’apposito questionario compilato a casa dall’utente.

“Questi check point – spiega il Direttore Generale di Marche Nord Maria Capalbo – sono misure importanti utili al contenimento dell’epidemia. Filtri che servono a evitare che portatori inconsapevoli del coronavirus possano accedere alle strutture senza le dovute protezioni. In questi punti ci saranno operatori che rileveranno la temperatura corporea, consegneranno un’autocertificazione con un questionario in cui vengono raccolte notizie che riguardano il paziente. L’utente, prima di entrare, verrà invitato ad indossare la mascherina chirurgica e guanti. All’ingresso saranno presenti dispenser di gel idroalcolico destinati all’utenza per disinfettare le mani prima di accedere alla struttura. Infine, almeno in questa fase, non sarà consentita l’entrata di accompagnatori o visitatori. Massima prudenza e attenzione dunque. Siamo consapevoli che queste settimane saranno molto delicate”.

15,474 Visite totali, 487 visite odierne

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No