Tumore alla mammella: estesa la fascia di età per lo screening

Sarà esteso anche alle donne di età compresa tra i 45 e i 49 anni e tra i 70 e i 74 anni lo screening del tumore della mammella, tramite invito con cadenza biennale. L’ampliamento della fascia d’età 45-49 anni avrà inizio entro aprile 2023, mentre quello della fascia d’età 70-74 anni entro settembre 2023.

Nelle Marche il programma di screening mammografico è stato avviato nel 2000 e, come da raccomandazioni ministeriali, era rivolto a tutte le donne di età compresa tra i 50 e i 69 anni giudicate maggiormente a rischio di insorgenza di tumori al seno. Ora con la disposizione della Giunta Regionale, che ha recepito le “Linee guida europee per lo screening e la diagnosi del tumore della mammella”, lo screening mammografico è stato allargato e coinvolgerà le donne in età compresa tra i 45 e i 74 anni.
“Le indicazioni del Piano nazionale della prevenzione – spiega l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini – prevede, come obiettivo specifico, nell’ambito del Programma screening oncologici, l’estensione dello screening per il tumore della mammella dagli attuali 50-69 anni ai 45-74 anni. Lo stesso vale per le linee guida europee sul tumore della mammella ‘European guidelines on breast cancer screening and diagnosis’, redatte recentemente dalla ECIBC (European Commission Initiative on Breast Cancer) che raccomandano allo stesso modo l’estensione dello screening alle donne dai 45 ai 74 anni e che sono state adottate anche dal Sistema nazionale Linee guida dell’Istituto superiore di sanità”.

Le donne interessate riceveranno un invito personalizzato, con tutte le informazioni utili, a sottoporsi a mammografia. Se necessario, saranno successivamente eseguiti approfondimenti diagnostici a tutte le donne con mammografia dubbia, sospetta o positiva. In caso di conferma di diagnosi, saranno effettuati tutti i trattamenti necessari, con inserimento in un percorso di trattamento e di follow-up. Nelle Marche, il ministero della Salute ha stimato un tasso standardizzato di tumori alla mammella pari a 163,1/100.000 corrispondente a circa 1.300 casi stimati nella popolazione femminile residente per l’anno 2021. Attualmente, circa l’80% delle pazienti con tumore mammario, se correttamente e precocemente trattato ha una sopravvivenza oltre i dieci anni dalla prima diagnosi. Pertanto la diagnosi precoce è fortemente raccomandata.

Nastro rosa simbolo del tumore al seno

 13,838 total views,  1 views today

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No