Tecniche di primo soccorso a scuola: entrano in classe i sanitari di Marche Nord

Gli operatori di Marche Nord salgono in cattedra nelle scuole secondarie di secondo grado del comune di Pesaro e Fano. L’obiettivo è formare gli studenti sulle tecniche della rianimazione cardio- polmonare di base e l’utilizzo del defibrillatore semiautomatico.

“Il progetto ha come obiettivo l’incremento delle competenze di Primo Soccorso degli studenti della Scuola Secondaria di 2° grado – spiega Umberto Gnudi, medico del pronto soccorso dell’azienda ospedaliera Marche Nord – ad oggi, l’insegnamento del Primo Soccorso a scuola è già obbligatorio in paesi quali la Danimarca, la Francia, e la Norvegia come sancito nei documenti redatti dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, l’Italia si prefigge di divenire Paese modello in Europa per l’insegnamento sistematico, permanente e ricorrente del Primo Soccorso in età scolare”.

“L’impegno – spiega Edoardo Berselli direttore sanitario dell’azienda ospedaliera Marche Nord – è quello di lavorare in modo condiviso con le istituzioni scolastiche e l’amministrazione comunale stimolando la partecipazione fattiva e propositiva degli studenti delle scuole secondarie di 2° grado al fine di contribuire allo sviluppo di una società più solidale, sicura ed altruista. Marche Nord ha voluto fortemente proporre il progetto e portarlo avanti. Ringrazio tutti gli operatori che si sono messi a disposizione con passione. Il progetto rappresenta una sfida molto importante: formare futuri cittadini consapevoli e responsabili che hanno a cuore il benessere e la salute della comunità e che portano nel proprio patrimonio culturale e umano una competenza fondamentale: essere in grado di salvare una vita”. Un’iniziativa nata con la collaborazione del comune di Pesaro e l’assessore Giuliana Ceccarelli.

Il progetto in fase sperimentale è stato attivato nel 2017 con il coinvolgimento del Liceo Scientifico Marconi di Pesaro e del Liceo Classico di Fano ed è consistito in incontri divulgativi, aperti ad un notevole numero di partecipanti (50 ragazzi a Fano e 150 a Pesaro nel 2018), il cui scopo era far conoscere le tecniche della Rianimazione Cardio Polmonare di Base e l’utilizzo del Defibrillatore semiautomatico. Tali incontri svolti con una partecipazione tanto numerosa hanno diffuso le conoscenze ma non hanno dato la possibilità di una certificazione di abilitazione all’utilizzo del DAE.

Nell’anno accademico 2019-2020, invece, il progetto prevede una formazione nei Licei del Comune di Pesaro con gruppi ristretti di studenti con esame finale di BLS Provider AHA che abiliti i ragazzi all’utilizzo del Defibrillatore semi-automatico Esterno al compimento del 16° anno di età. Gli istruttori (medici ed infermieri del Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera Marche Nord) prevedono una serie di giornate formative utilizzando materiali didattici forniti dal Centro di Formazione di Marche Nord, grazie anche alla generosa collaborazione di una nota azienda farmaceutica. Il solo costo sostenuto dai discenti sarà quello del materiale didattico e mascherina facciale (circa 15 Euro) che rimarrà in dotazione agli studenti stessi.

Sebbene nel progetto non sia prevista in maniera esplicita la formazione degli insegnanti, si auspica una partecipazione attiva del personale scolastico alle attività, in special modo dei docenti di Scienze motorie e Sportive, al fine di perfezionare competenze già acquisite e poter coordinare i percorsi formativi.

Nella foto i formatori di Marche Nord impegnati con i ragazzi del Liceo Mamiani di Pesaro

i ragazzi del liceo
Un momento del corso di formazione

16,030 Visite totali, 2 visite odierne

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No