Ospedale di Urbino: nuova Risonanza dal 15 maggio, pazienti esterni dal 5 giugno

Operativa la risonanza magnetica di Urbino. Macchinario ad alto campo e di ultima generazione, da oltre una settimana è tornata in funzione per effettuare le indagini necessarie ai pazienti ricoverati e agli oncologici presi in carico dallo specialista. Dal 29 maggio, inoltre, sarà a disposizione di tutta l’utenza: verranno aperte le agende ambulatoriali a Cup per gli esterni, recuperando e riducendo i tempi di attesa delle prestazioni di secondo livello.

“La nuova risonanza è una tecnologia all’avanguardia, mai avuta in dotazione all’ospedale Santa Maria della Misericordia – spiega il direttore della Diagnostica Chiara Giorgi –. Il passaggio da un basso campo dell’apparecchiatura, precedentemente in uso, ad un alto campo (1.5 Tesla), consentirà di migliorare l’accuratezza diagnostica degli esami che venivano già eseguiti, come esami osteoarticolari, encefalo o mammella, soprattutto permetterà di potenziare l’offerta con un ampliamento della tipologia di esami erogabili, ad esempio indagini prostatiche e addome non eseguibili con la precedente tecnologia”.

La nuova RM, che a differenza della precedente non è aperta ma chiusa, presenta una tecnologia di nuova generazione, dotata di lettino ad elevata portata (250kg), ampia gamma di bobine, nonché numerose tecniche di imaging in ambito addominale, body, neuro, muscoloscheletrico e oncologico. A corredo dell’apparecchiatura è stato acquisito anche un iniettore per l’esecuzione di esami con mezzo di contrasto e una postazione corredata di diversi software di post-elaborazione. “Si tratta di una apparecchiatura in grado di effettuare analisi diagnostiche molto approfondite e in maniera più veloce – ha sottolineato l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini -. L’apertura delle agende a Cup consentirà di smaltire le liste di attesa: la sua collocazione ha reso necessario un adeguamento dei locali che ha richiesto tempo, ma ora l’ospedale di Urbino è in grado di fornire prestazioni di alto livello ai cittadini del territorio”.

“Le attività della nuova RM sono partite il 15 maggio – spiega il commissario straordinario dell’Ast Pesaro Urbino Gilberto Gentili – con esami effettuati su pazienti ricoverati e su pazienti oncologici presi in carico dallo specialista. Uno sforzo organizzativo non indifferente. Per questo ci tengo a ringraziare tutto il personale, sanitario e amministrativo, che ha reso possibile l’acquisto e la messa in funzione della nuova risonanza”. “L’importo dell’investimento per l’adeguamento dei locali, sia dal punto di vista strutturale che impiantistico – continua Romeo Magnoni, Direttore del distretto di Urbino -, e la reingegnerizzazione dell’intera ala, è stato pari a 1,2 milioni di euro: i lavori di ristrutturazione, terminati lo scorso 14 aprile, hanno interessato un’area di circa 170 mq con interventi locali per rinforzo strutturale, ridistribuzione, riqualificazione degli ambienti e la realizzazione di impianti tecnologici ad elevata complessità. Dal 29 maggio saranno aperte le agende anche a favore degli utenti esterni le cui prestazioni verranno effettuate a decorrere dal 5 giugno riuscendo ad abbattere significativamente le liste di attesa”.

Gli ambienti dedicati alla nuova risonanza magnetica sono molto più ampi, con una sala esami di circa 40 mq, il doppio della precedente. “Infine – conclude Magnoni – presto saranno dotati di apparecchiature di ventilazione e monitoraggio che consentiranno all’ospedale di Urbino di effettuare esami di risonanza magnetica anche su pazienti critici ed in sedazione profonda”.

Risonanza

 21,228 total views,  4 views today

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No