Operata al femore a 103 anni: “E’ tornata a camminare dopo 2 giorni”

Eseguito con successo un intervento di sintesi di una frattura del femore su una signora di 103 anni all’ospedale San Salvatore di Pesaro. La paziente è ora in buone condizioni di salute e già dopo soli due giorni dall’intervento, è riuscita a ricominciare a camminare. Primo caso di un percorso multidisciplinare di orto-geriatria a tutela del paziente anziano che prenderà avvio la prossima settimana.

“La storia di questa paziente dimostra che l’età non è un limite per la cura e la guarigione – spiega il direttore Generale Nadia Storti Ast Pu -; è un esempio di come la competenza medica e la determinazione possano fare la differenza nella vita delle persone. La frattura del femore è un evento molto comune negli anziani e può causare notevoli problemi nella mobilità e nella qualità di vita. Tuttavia, grazie all’opera dell’équipe medica multidisciplinare attivata proprio per questo tipo di pazienti, e alla determinazione della signora, è stato possibile superare questa sfida”.

La procedura orto-geriatria si attiva quando il paziente di età superiore ai 75 anni accede al Pronto Soccorso per la frattura prossimale di femore e termina al compimento di tutto l’iter diagnostico terapeutico della fase acuta e riabilitativa ospedaliera attraverso un approccio multidisciplinare e multiprofessionale che permette di valutare le esigenze globali del paziente, con l’obiettivo di offrire un’assistenza integrata in un modello di continuità assistenziale per far tornare il paziente alle sue attività quotidiane il prima possibile.

La Coordinatrice Loriana Fragai, la paziente e il Direttore Luca Memè

La coordinatrice del reparto insieme alla paziente e al direttore Luca Memè

“Questo risultato è stato ottenuto – spiega il direttore dell’Ortopedia degli ospedali di Pesaro e Fano Luca Memé  – grazie alla cura e all’attenzione data all’esigenza della paziente, tenendo conto delle specificità e delle fragilità legate all’età avanzata della paziente. L’istituzione del percorso personalizzato è stato determinante ai fini della buona riuscita, con una gestione dell’intervento e del recupero post-operatorio della signora specifico che hanno permesso il rapido ritorno alla normalità. Gli sforzi congiunti di medici, infermieri e fisioterapisti grazie all’attivazione anche del percorso ortogeriatrico hanno permesso alla paziente di recuperare rapidamente la sua autonomia e di tornare a svolgere le attività quotidiane. In questo percorso di cura infatti si prevedono per l’assistenza Ortogeriatrica in fase acuta 10 posti letto in un settore dedicato del reparto di degenza della di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale San Salvatore di Pesaro”.

“Finalmente diamo avvio ad un percorso a tutela del paziente anziano – spiega Emma Espinosa, Direttrice del reparto di Geriatria dell’Ast Pu – per dare la possibilità ai degenti di potersi rimettere in piedi nel più breve tempo possibile, accelerando il recupero per tornare alla vita quotidiana nonostante una frattura. Sappiamo bene cosa significa per il paziente anziano e per la sua famiglia affrontare un percorso di riabilitazione, gravoso sia dal punto di vista psicologico che fisico e questo progetto va proprio nell’ottica del mettere al centro il paziente dando priorità alle sue esigenze e ai suoi tempi di recupero. Voglio ringraziare la mia equipe che si è messa a disposizione, consapevoli certamente del gravoso carico assistenziale, ma anche dell’importanza di un percorso che va nell’ottica del miglioramento la qualità delle cure per il paziente anziano”.

“La storia di questa signora di 103 anni – spiega l’assessore alla Sanità della Regione Marche Filippo Saltamartini – è un esempio di determinazione e della cura che il personale medico può offrire. È un incoraggiamento per tutti coloro che si trovano ad affrontare difficoltà legate alla salute e dimostra che con l’aiuto e il giusto percorso di cura, è possibile superare le sfide più grandi”.

 9,515 total views,  3 views today

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No