Oncologia: caschetto per prevenire la caduta dei capelli

Arriva a Marche Nord il secondo caschetto ‘anti alopecia’ per la prevenzione della caduta dei capelli dopo i trattamenti chemioterapici. Lo strumento, già in uso per le pazienti, è stato posizionato nello stabilimento ospedaliero di Muraglia dell’azienda ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord.

“La regione Marche – spiega il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli – in questi cinque anni ha cambiato passo negli investimenti tecnologici che da troppi anni erano fermi nella sanità marchigiana. Ha sbloccato e investito milioni di euro in macchinari di ultima generazione a vantaggio del paziente e delle cure. Marche Nord è un esempio di come si è riusciti ad impegnare queste risorse trasformandole in servizi importanti in questo caso per la lotta contro i tumori”.

“Lotta ai tumori significa umanizzazione, ma anche avanzamento tecnologico – aggiunge il direttore generale Maria Capalbo – Siamo uno dei pochi ospedali in Italia ad essere dotati di due caschetti anti alopecia, un macchinario a cui i nostri pazienti possono accedere gratuitamente, diversamente da quanto accade in alcune strutture italiane. L’alopecia chemio-indotta, sebbene sia reversibile, è uno degli effetti collaterali più impattanti a livello psicologico nei pazienti in trattamento, ma nella paziente donna ha un impatto, ancora maggiore. Le implicazioni psicosociali e l’alterazione dell’immagine corporea possono andare ad influenzare l’accettazione del trattamento chemioterapico. Per questo siamo i primi in regione ad aver voluto fortemente questo macchinario. Un secondo dispositivo è stato voluto fortemente proprio per agevolare al massimo i pazienti ed evitare spostamenti tra i vari presidi. In questi anni sono tantissimi gli investimenti, con conseguente salto di qualità, che Marche Nord è riuscita a fare proprio in ambito oncologico, grazie ai finanziamenti della Regione Marche. Il rinnovamento tecnologico è tutto a vantaggio del paziente e colloca Marche Nord tra le eccellenze in questa specializzazione. Continueremo con gli investimenti che in questi anni hanno contribuito in modo rilevante a migliorare la qualità delle cure, senza mai dimenticare l’aspetto dell’umanizzazione”.

“Prevenire la perdita di capelli durante la chemioterapia – rimarca il direttore di Oncologia Rodolfo Mattioli – è da sempre l’obiettivo del medico oncologo, dell’infermiere e della paziente che deve sottoporsi a questo trattamento. Fin dal 1970 sono stati utilizzati diversi sistemi di raffreddamento per prevenire la perdita dei capelli ma con risultati scarsi e con un elevato disconfort per il paziente. Grazie al miglioramento della tecnologia, il sistema DigniLife è oggi utilizzato di routine in diversi centri di eccellenza in Italia ed Europa; risulta ad oggi l’unico strumento per il raffreddamento del cuoio capelluto ad aver ricevuto, nel Dicembre 2015, l’approvazione da parte della FDA”.

I risultati ottenuti nel periodo di utilizzo del sistema Dignicap, nell’UOC di Oncologia Medica dell’AORMN (Presidio S Croce) sono rilevanti. Dal 15 settembre 2016 al 30 aprile 2019 hanno terminato la terapia con l’ausilio del sistema DigniCap (caschetto) 158 donne. Il protocollo aziendale prevede la selezione di tutte le pazienti di età superiore a 18 anni a cui è stata documentata la diagnosi di tumore mammario (n.116) o tumore ginecologico (n. 20) che dovranno effettuare la chemioterapia.

“Il trattamento è risultato positivo nel 70% del totale – continua Mattioli – la nostra esperienza ci dimostra che un efficace trattamento di raffreddamento del cuoio capelluto e l’utilizzo di un dispositivo tecnologicamente avanzato come il DigniCap, favorisce nelle donne in trattamento: migliore collaborazione tra infermieri e paziente, migliore accettazione del trattamento chemioterapico, una accettazione della propria immagine corporea che tende a non modificarsi, il mantenimento delle proprie attività quotidiane e sociali. Risulta evidente dai dati riportati che le pazienti hanno ottenuto dei risultati soddisfacenti; la percentuale delle pazienti uscite dal trattamento non ci fa rinunciare ad uno strumento che permette di mantenere alle pazienti maggiore fiducia in se stesse e nella propria immagine”.

I numeri del reparto di oncologia di Marche Nord registrano, per il 2018, un’attività ambulatoriale di circa 10 mila prestazioni l’anno, con 1400 ricoveri in regime diurno per un totale di 13 mila accessi.

Ecco l’elenco delle nuove tecnologie in dotazione di Marche Nord acquistati per la lotta contro i tumori:
Robot Da Vinci – a Marche Nord arriva la chirurgia mini-invasiva e laparoscopica (costo: tre milioni di euro)
Due caschetti anti-alopecipa – per la prevenzione della caduta dei capelli dopo i trattamenti chemioterapici (costo:120 mila euro)
Acceleratore Lineare – per la radioterapia stereotassica corporea (SBRT, Stereotactic Body Radiation Therapy), un’innovativa tecnica radioterapica non invasiva che permette di inviare una elevata dose di radiazioni direttamente sul volume tumorale con estrema accuratezza e precisione, provocandone la morte cellulare (necrosi) (costo: oltre tre milioni e 600mila euro).
Esteya (donazione Credito cooperativo) – tecnologia di ultima generazione per la cura dei tumori cutanei
Nuova Metodica OSNA (One Step Nucleic Acid Amplification) – la tecnica molecolare che permette di individuare, in poco più di 30 minuti, la presenza o meno di metastasi nel linfonodo sentinella
Ristrutturazione del reparto di oncologia – per migliore umanizzazione paziente (Oltre 500 mila euro)

Le autorità inaugurano il nuovo caschetto anti alopecia

8,638 Visite totali, 4 visite odierne

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No