Ex Ime, inaugurata la nuova sede di infermieristica

Oltre duemila metri quadrati per un investimento della regione Marche di circa un milione di euro per una struttura che rimarrà e si integrerà perfettamente con il nuovo ospedale. Ad un anno esatto gli spazi dell’Ex-Ime sono pronti per ospitare gli studenti del corso di Laurea in Infermieristica dell’Università Politecnica delle Marche e i dipendenti dell’Unità Operativa Complessa Qualità Accreditamento e Formazione degli Ospedali Riuniti Marche Nord.
L’inaugurazione della nuova sede è avvenuta il 7 agosto alla presenza del Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, del Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Maria Capalbo, del Rettore della Politecnica delle Marche Sauro Longhi, del Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia della Politecnica delle Marche Marcello D’Errico e della Presidente del corso di laurea Emilia Prospero. Ha partecipato anche il consigliere regionale Andrea Biancani.
“Abbiamo dato continuità al corso che era atteso da tanti anni – afferma il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli – era necessario definire la nuova sede e penso che scelta migliore non si potesse fare. L’investimento valorizza un bene di proprietà della Regione che esce molto riqualificato dal milione di euro impiegati.

Taglio del nastro

taglio-del-nastro

Un investimento ben fatto che ci restituisce un immobile con un valore superiore e permette di continuare l’attività e di farla vicino a quello che oggi è l’ospedale di Muraglia e domani diventerà l’ospedale più grande che raccoglierà tutte le attività di Marche Nord. Mi voglio complimentare per la realizzazione per un investimento che guarda in avanti. Quindi un luogo appropriato perché permetterà con grande facilità uno scambio di attività con la struttura ospedaliera anche se poi sappiamo bene che chi si forma in questo luogo non ha contatto solo con gli ospedali, ma anche con le strutture territoriali. Per noi c’è anche il valore di un’esperienza che ha un’alta capacità sotto il profilo didattico, molto importante sotto quello occupazionale, e questo è un tema non da poco, e anche sotto il profilo assistenziale, perché avere il corso permette anche di dare un contributo in termini di assistenza nella fase di formazione al servizio delle strutture che già operano nel territorio. Abbiamo dimostrato infine una grande capacità di investimento che è stata un po’ la forza degli ultimi anni: abbiamo investito in tecnologia, in personale in crescita ma anche in strutture di formazione come questa che ci rendono orgogliosi perché siamo convinti che con l’alta formazione e un rapporto positivo con l’Università che ha questo compito, riusciamo a dare tanto a questa comunità in termini di servizi e qualità professionale”

“Le due strutture – spiega il Direttore Maria Capalbo – sono già operative presso lo stabile dell’ospedale di Muraglia (ex Ime) a Pesaro. Uno spazio, non utilizzato da quasi dieci anni, facente parte del patrimonio immobiliare di Marche Nord, completamente ristrutturato e riqualificato con tutti gli standard di qualità e sicurezza per gli studenti e i dipendenti. In un anno, in tempi record, abbiamo realizzato una sede all’altezza e attrezzata al meglio per formare i nostri futuri infermieri”.
I lavori sono partiti a metà novembre 2018 e sono terminati a metà luglio, per un importo complessivo di spesa di circa € 960.000,00 per una superficie interna di circa 1200 mq e con uno scoperto di circa mille metri quadrati. Le operazioni hanno interessato la coibentazione ed impermeabilizzazione della copertura dello stabile, la sostituzione di infissi a risparmio energetico, la realizzazione di nuovi servizi igienici e un nuovo impianto di climatizzazione estiva ed invernale a risparmio energetico, il rifacimento della pavimentazione, l’impianto antincendio, elettrico, dati e fonia. La struttura è inoltre dotata anche di impianto anti-intrusione.
Il Rettore Longhi ha concluso che “con questo spazio si mettono al centro gli studenti che sono l’aspetto più importante per l’università. Inoltre voglio sottolineare il valore economico che duecento studenti portano ad una città”.
Il corso di Laurea ha 176 iscritti divisi tra il primo, secondo e terzo anno, con un numero di personale dedicato di 7 persone e con un corpo docente di 46 insegnanti.

Visita la Galleria Fotografica

6,901 Visite totali, 260 visite odierne

  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No